:: LA PALLAVOLO

 

 

  Introduzione  

 Italia 1995 - La nazionale italiana di pallavolo immortalata dopo essersi aggiudicata, contro lOlanda, la finale dei campionati del mondo di Grecia, nel 1995. La pallavolo uno sport di squadra che si gioca con la palla su un campo, dalla superficie in parquet

o in materiale sintetico, di forma rettangolare, suddivisa in settori da linee bianche parallele ai lati pi corti del campo. Il campo diviso a met, sul lato lungo del rettangolo, da una rete (alta 2,43 m per gli uomini, e 2,24 per le donne) sostenuta da due montanti laterali. Ogni met campo divisa, a sua volta, in due parti: la prima, pi vicina alla rete, lunga 3 m (area d'attacco); la seconda lunga 6 m (area di difesa).

L'obiettivo del gioco quello di far cadere a terra il pallone nell'area di gioco avversaria, facendolo passare sempre al di sopra della rete, oppure di mettere gli avversari in condizione di commettere errori, ovvero di non riuscire a rimandare regolarmente il pallone nella met campo avversaria.

 

La squadra e il punteggio

 

 

 

Campo da pallavolo - L'illustrazione mostra le dimensioni e le varie sezioni di un campo da pallavolo, oltre alle posizioni dei giocatori durante la partita. Il campo diviso dalla rete in due parti simmetriche, ciascuna delle quali a sua volta divisa da una linea bianca che separa l'area d'attacco, pi prossima alla rete, dall'area di difesa.

La pallavolo  giocata da due squadre di 6 giocatori titolari, il sestetto-base, pi altrettanti rincalzi, che possono subentrare nel corso della partita. I ruoli della squadra prevedono difensori, schiacciatori e alzatori. Ciascuna squadra dispone di massimo tre tocchi prima di rispedire la palla oltre la rete. Di solito, la disposizione in campo dei giocatori di tre nell'area di attacco e tre in quella difensiva.

Il regolamento del punteggio nella pallavolo stato radicalmente modificato a partire dal gennaio 1999: fino a quella data il punto veniva conquistato solo nel caso in cui la squadra fosse in possesso di palla, ossia avesse messo in gioco la palla con la battuta; il punto conquistato infatti rispondendo alla battuta degli avversari dava semplicemente diritto a conquistarsi la battuta (cambio-palla). Con il nuovo regolamento il cambio-palla, che gi da qualche anno non era previsto nel corso del quinto e decisivo set, stato definitivamente abolito e ogni azione conquistata d diritto a un punto. Il limite per ottenere la vittoria di set stato innalzato da 15 a 25 punti, sempre con un minimo di due punti di scarto. Mantiene il limite dei 15 punti solo il quinto set.

 

   La Tecnica  

 

La schiacciata -  Difficile da respingere, la schiacciata rappresenta l'attacco pi usato nella pallavolo. Una squadra segna un punto quando la palla batte sul terreno avversario o quando l'altra squadra non riesce a respingere la palla al di sopra della rete dopo averla toccata un massimo di tre volte.

Gli elementi tecnici fondamentali della pallavolo sono la battuta, il bagher o ricezione, il muro, la schiacciata, il pallonetto, l'alzata e il palleggio.

La battuta  il colpo che d inizio all'azione. Viene effettuata con piedi oltre la linea di fondo campo. un arma di attacco che pu essere molto efficace e costringere la difesa avversaria all'errore: come nel tennis, pu essere infatti giocata colpendo la palla con forza e angolazione (battuta in salto), oppure pu essere piazzata, con colpo a effetto. Una battuta sbagliata se la palla colpita cade fuori dalle linee che delimitano la met campo avversaria, se la palla finisce in rete oppure soltanto se la tocca prima di cadere al di l. Il giocatore in battuta mantiene il servizio sino a quando la propria squadra non commette un errore. In questo caso la battuta passa agli avversari che, prima di riprendere il gioco, devono effettuare una rotazione in senso orario della loro posizione sul campo.

 

Cenni storici

 

 

 La pallavolo fu inventata nel 1895 dall'americano William G. Morgan, coordinatore di educazione fisica della Young Men's Christian Association di Holyoke nel Massachusetts. L'insegnante probabilmente trasse alcune regole da un precedente gioco tedesco, la faustball (pallapugno), e diede al nuovo sport il nome di minonette, che rievocava un antico gioco di carte francese. Cinque anni dopo, A.T. Halstead, che fu l'artefice della diffusione del gioco negli Stati Uniti, gli diede il nome di volleyball. Divenuta rapidamente molto popolare in tutto il mondo, la pallavolo fu portata in Europa dai soldati americani negli anni della prima guerra mondiale. In Italia i primi incontri si disputarono verso il 1928, e nel 1933 ebbe luogo un primo campionato nazionale che fu vinto dal Genova. La Federazione italiana palla a volo (FIPAV) sorse per a Bologna soltanto nel 1946 e da quell'anno si cominciarono a organizzare campionati nazionali ufficiali, sia maschili sia femminili.

 

 

 

 

 

A.S.D. NUOVA VOLLEY - Official Web-Site.